Siderno: abbandono rifiuti, attingere a banche dati per conoscere identità di chi non è iscritto a ruolo.

di redazione  | 03/10/2019 in " Ambiente "
725 letture | 0 commenti | 0 voti

OGGETTO: ATTO DI SOLLECITO indirizzato alla Triade Commissariale avverso i mancati provvedimenti volti alla risoluzione delle criticità inerenti l’abbandono e combustione di rifiuti solidi urbani, ingombranti, speciali e speciali pericolosi (eternit) sui torrenti NOVITO -LORDO- GARINO, sui due valloni di contrada SALVI, sulla via Circonvallazione Nord e sulla strada Torrente S. Filippo.

 

La sottoscritta Tino Mariarosaria nella qualità di presidente dell’Associazione di Promozione Sociale Osservatorio Cittadino Rifiuti Siderno C.F.: 90035350801, in riferimento alle “Segnalazioni di abbandono e combustione di rifiuti solidi urbani, ingombranti, speciali e speciali pericolosi (eternit) sui torrenti NOVITO -LORDO- GARINO, sui due valloni di contrada SALVI, sulla via Circonvallazione Nord e sulla strada Torrente S. Filippo, già trasmesse via pec da quest’Osservatorio Cittadino sui Rifiuti all’Amministrazione Comunale di Siderno rispettivamente nelle date 24/10/2016 - 19/04/2017-  27/03/2017- 24/01/2017- 06/11/2018;

 

 

 

C O N S I D E R A T O

  • Il costante perdurare delle criticità segnalate, che per i torrenti in oggetto- atteso l’arrivo della stagione invernale, sovente caratterizzata da forti fenomeni atmosferici, cosiddette bombe d’acqua-  rappresentano un serio e probabile fattore per il rischio idraulico (i torrenti Novito e Lordo, così come riportato sulla Mappa del Rischio di Alluvione tav.590123R- Area programma 12 dell’Autorità di Bacino, presentano- nei punti ove insistono le discariche-  un livello di rischio idraulico con codice R4 ovvero aree/elementi a rischio molto elevato, in caso di alluvione sono possibili perdite di vite umane e lesioni gravi alle persone, danni gravi agli edifici, alle infrastrutture ed al patrimonio ambientale. Il torrente Garino invece è passato alla storia nel settembre del 2000, quando, nel corso dell’alluvione, esondarono le sue acque dai tombini stradali).
  • Che da parte di codesta Triade Commissariale sono stati intrapresi dei timidi provvedimenti privi di qualsivoglia risultato. Infatti l’installazione di alcune videocamere ad opera dell’Amministrazione Comunale, ha fatto sì, che chi smaltiva illegalmente i propri rifiuti per le vie cittadine- ad esempio in piazza della Cittadinanza Europea- abbia cambiato le zone d’abbandono, scegliendo così delle vie non videosorvegliate ma soprattutto dei siti più periferici, come i predetti torrenti, che presto saturandosi di rifiuti, sono divenuti delle discariche a cielo aperto. Le fiumare infatti, diversamente dalle vie cittadine, non vengono ripulite in quanto tale servizio non ricade tra quelli previsti nell’apposito capitolato sottoscritto col gestore LocrideAmbiente.
  • Che l’enorme mole di rifiuti abbandonati sul greto dei torrenti, spesso viene incendiata da ignoti nelle ore notturne, con tutti i rischi sanitari che- a causa dell’emissione in atmosfera delle pericolosissime diossine esalate dai roghi tossici- potrebbero  derivare ai danni della comunità sidernese
  • Che la tutela del diritto a vivere in un ambiente salubre dovrebbe essere tra le priorità di chi rappresenta la legalità.

 

I N V I T A

La S.V., anche di concerto con gli altri Organi in indirizzo, ad un celere intervento volto a risanare la grave situazione ambientale e sanitaria dovuta all’illecito abbandono di rifiuti sulla sponda della destra idrografica del Torrente Lordo (ponte sulla via F. Macrì) sul greto dei torrenti NOVITO e  GARINO, sui due valloni di contrada SALVI, sulla via Circonvallazione Nord e strada Torrente S. Filippo;

C H I E D E

Relativamente alle criticità che insistono nelle località predette di:

  1. Procedere all’effettiva e immediata bonifica dei siti, con la rimozione dei rifiuti e loro conferimento in discariche autorizzate;
  2. Eseguire accurati controlli documentali, anche attingendo dalle varie banche dati Enel, Anagrafe Tributaria, Anagrafe ecc., al fine di accertare l’identità di chi non è iscritto al ruolo della tariffa sui rifiuti, il quale, non avendo ritirato i mastelli, presumibilmente continua ad abbandonare illegalmente il proprio pattume sul greto dei torrenti e per le vie cittadine;
  3. Consentire ai cittadini sidernesi l’accesso in più giorni della settimana al Centro Comunale di Raccolta di c.da Pellegrina di Siderno, anche pubblicizzando e indicando la sua esatta collocazione con apposita cartellonistica da installare già sulla S.S. 106;
  4. Relativamente alle strade d’accesso ai rispettivi torrenti e valloni, qualora possibile, valutare la totale interdizione al transito dei veicoli con la realizzazione di apposite barriere o l’emissione di apposite ordinanze di divieto al transito dei veicoli non autorizzati, con l’assicurazione che queste vengano fatte rispettare dalle Autorità competenti;

E V I D E N Z I A

Che qualora dovessero continuare a persistere tali criticità, quest’Osservatorio Cittadino Rifiuti di Siderno, si vedrà costretto ad intraprendere ogni azione consentita dalla legge per tutelare l’Ambiente e la Salute dei cittadini anche interessando la competente Autorità Giudiziaria.

Distinti Saluti

Siderno, lì 02/10/2019    

 

                                                                                                 La PRESIDENTE

                                                                                              F.to Mariarosaria TINO


Tags : rifiuti siderno
comments powered by Disqus