play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    RADIO VENERE LIVE!!! TRASMETTIAMO EMOZIONI!!!

  • play_arrow

    RADIO VENERE LIVE 2!!! TRASMETTIAMO EMOZIONI!!!

CRONACA

Reggio:Sequestrano e mutilano un anziano, disposto arresto

today16 Luglio 2022 13

Sfondo
share close

È stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per Renato Chirico Mediati, di 55 anni, e per Mariano Domenico Corso, di 35, accusati di avere sequestrato l’11 luglio scorso a Reggio Calabria un anziano, sottoponendolo anche a sevizie fisiche con l’amputazione della falange di un dito, allo scopo di fargli confessare la presunta sottrazione ai loro danni di 180 mila euro.

Il Gip di Reggio Calabria, Vincenzo Quaranta, non ha convalidato il fermo di Chirico Mediati e Corso, che era stato eseguito ieri dalla Squadra mobile di Reggio Calabria, ma ha emesso a loro carico un provvedimento restrittivo.

Provvedimento che riguarda anche una terza persona, un giovane di 26 anni, che al momento, però, risulta irreperibile.

    L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stato emessa su richiesta del Procuratore della Repubblica Giovanni Bombardieri e del sostituto procuratore Walter Ignazitto. Alle tre persone coinvolte nella vicenda vengono contestati il sequestro di persona a scopo di estorsione, le lesioni personali e la rapina, reati tutti aggravati dalle modalità mafiose.
L’anziano, secondo quanto è emerso dalle indagini, è stato rinchiuso in una stalla e minacciato con un’ascia. L’uomo, inoltre, fu imbavagliato e legato mani e piedi con fascette di plastica, nastro adesivo ed una catena metallica ed appeso, con l’ausilio di un paranco, al tetto della stalla.
Nel corso dell’udienza di convalida, Chirico Mediati, difeso dall’avvocato Maurizio Condipodero, ha risposto alle domande del gip Quaranta e del pm Ignazitto,mentre Corso, assistito dall’avvocato Stefano Priolo, si è avvalso della facoltà di non rispondere

Scritto da: Redazione

Rate it