play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    RADIO VENERE LIVE!!! La Musica le News lo Sport in Calabria

  • play_arrow

    RADIO VENERE LIVE 2!!! La Musica le News lo Sport in Calabria

IN PRIMO PIANO

Ferma condanna del Sindaco Modaffari, con denuncia del soggetto, in seguito ad un video apparso su Tik Tok

today27 Luglio 2022 91

Sfondo
share close

Il Mondo dei social da libertà di espressione a tutti gli iscritti, secondo un principio di democrazia digitale autoimposta dal Web stesso. Ma come molte volte accade, un uso sconsiderato e non corretto, può portare a segnalazioni o denunce reali attraverso le Autorità Giudiziarie preposte.

Così, quest’oggi, si è provveduto a denunciare alle AA.GG. un cittadino africese che attraverso un profilo su Tik Tok ha impropriamente promosso un evento “non previsto e non organizzato” da questa Amministrazione Comunale, né tantomeno dalla Pro Loco, per il 31 luglio sul lungomare cittadino e che secondo l’improvvisato tiktoker, al cui termine, si sarebbe potuto sparare liberamente in aria con “fucili e pistole come se fosse stato Capodanno”.

L’Amministrazione Comunale di Africo si dissocia fermamente dal comportamento adottato da questo cittadino, il quale si è prontamente provveduto a denunciare per diffamazione a mezzo social, e conferma che per il 31 luglio 2022 non è previsto alcun evento sul lungomare cittadino. A tal proposito, comunica anche che a breve sarà diramato il calendario ufficiale degli appuntamenti estivi.

Invitiamo tutti i cittadini a fare attenzione a chi utilizza in maniera impropria i social network, anche se (probabilmente) con fini goliardici, seguendo le fonti ufficiali.

Questa Amministrazione, eletta liberamente dai cittadini di Africo, continuerà a combattere con tutte le proprie forze e con tutti gli strumenti disponibili le varie forme di illegalità e mancato rispetto delle regole, che potrebbero accadere nel periodo del mandato elettorale.

 

Scritto da: Redazione

Rate it

Articolo precedente

CRONACA

‘Ndrangheta: minacce mafiose per inquinare asta,1 arresto

Minacce per inquinare un’asta, un arresto in Liguria. Più nel dettaglio l’uomo avrebbe fatto sapere di appartenere a una 'ndrina calabrese per inquinare l'esito di una vendita immobiliare all'asta, minacciando chi voleva parteciparvi. La squadra mobile di Savona, coordinata dal pm Monica Abbatecola della Direzione distrettuale antimafia di Genova, ha arrestato Pietro Fotia, legato alla cosca dei Bruzzaniti-Morabito-Palamara di Africo L'uomo è accusato di turbata libertà degli incanti, aggravata dal metodo mafioso. Secondo la […]

today27 Luglio 2022 223