play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    RADIO VENERE LIVE!!! La Musica le News lo Sport in Calabria

  • play_arrow

    RADIO VENERE LIVE 2!!! La Musica le News lo Sport in Calabria

CRONACA

‘Ndrangheta: minacce mafiose per inquinare asta,1 arresto

today27 Luglio 2022 223

Sfondo
share close

Minacce per inquinare un’asta, un arresto in Liguria. Più nel dettaglio l’uomo avrebbe fatto sapere di appartenere a una ‘ndrina calabrese per inquinare l’esito di una vendita immobiliare all’asta, minacciando chi voleva parteciparvi. La squadra mobile di Savona, coordinata dal pm Monica Abbatecola della Direzione distrettuale antimafia di Genova, ha arrestato Pietro Fotia, legato alla cosca dei Bruzzaniti-Morabito-Palamara di Africo

L’uomo è accusato di turbata libertà degli incanti, aggravata dal metodo mafioso. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, sin dal momento delle visite negli immobili dei potenziali offerenti, venivano affissi articoli di giornale relativi a condanne, arresti e sequestri aventi come destinatari i membri della famiglia di Fotia e locandine di un quotidiano che ne richiamavano le vicissitudini giudiziarie. Inoltre li fotografava per spaventarli, facendo intuire che avrebbe potuto rintracciarli con facilità. L’uomo si vantava anche di avere subito oltre 50 processi, ma anche di essere sempre stato assolto. Nel 2021, il tribunale di prevenzione di Genova aveva disposto la sorveglianza speciale per i fratelli Pietro, Donato e Francesco Fotia, condannati nei mesi scorsi per intestazione fittizia di beni per eludere le misure di prevenzione insieme al loro nipote Giuseppe Criaco.

I Fotia, nell’ottobre 2017, erano stati condannati con rito abbreviato a Savona. In appello erano stati assolti. La Cassazione nel 2019 aveva però disposto un nuovo processo d’appello e, in primo grado, Pietro Fotia era stato condannato a 22 mesi, mentre gli altri imputati a venti mesi con la concessione della sospensione condizionale della pena. Nel 2015 la Dia aveva sequestrato ai fratelli beni aziendali per un valore di circa 10 milioni di euro.

Scritto da: Redazione

Rate it

Articolo precedente

CRONACA

Truffe: contributi illeciti in agricoltura, sequestro beni

I carabinieri del Reparto tutela agroalimentare di Messina hanno eseguito un'ordinanza emessa dal Gip di Palmi su richiesta della Procura europea - Ufficio dei procuratori europei delegati per Sicilia e Calabria - con la quale è stato disposto il sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, di denaro e beni immobili per 163 mila euro nei confronti di due coniugi residenti nel Reggino. Il provvedimento ha disposto anche il sequestro di 39 […]

today27 Luglio 2022 202