play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    RADIO VENERE LIVE!!! TRASMETTIAMO EMOZIONI!!!

  • play_arrow

    RADIO VENERE LIVE 2!!! TRASMETTIAMO EMOZIONI!!!

IN PRIMO PIANO

Locri: il comitato difendiamo l’ospedale denuncia per l’ennesima volta, l’intenzione di smantellamento del nosocomio

today11 Settembre 2022 64

Sfondo
share close

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Al Commissario della Sanità Roberto Occhiuto
Ai mezzi di comunicazione
Da varie vicissitudini, deduciamo che il processo lento e inesorabile di smantellamento messo in atto a vari livelli dell’ospedale di Locri procede a ritmi serrati.
Da articolo della Gazzetta del Sud, datato 9 settembre 2022, apprendiamo che il vincitore del concorso per Primario di Ortopedia, a poche ore dalla nomina, abbia già rassegnato le sue dimissioni.
Le motivazioni, secondo quanto riportato nell’articolo, sono che ci siano state “non meglio precisate azioni miranti a scoraggiare il neo primario a guidare il reparto”. Se così fosse, la cosa è molto grave e ci riporta con la mente a situazioni analoghe ripetutesi più volte all’interno del nostro nosocomio.
Abbiamo visto passare illustri medici e andare via in pochissimo tempo senza un preciso motivo.
A noi sorge un ragionevole dubbio e se il motivo fosse lo stesso???
All’interno del nostro ospedale, purtroppo per noi, sono poche le figure (medici, infermieri, OSS) che hanno realmente voglia di lavorare e lo fanno in maniera diligente, talmente pochi che il loro operato viene offuscato e letteralmente manomesso, da chi non ha voglia di fare niente e pretende che gli atri si uniformino con azioni mirate allo scoraggiamento e ad atteggiamenti che ostacolino l’operato e la voglia di fare dei laboriosi. Servono nomine urgenti di Primari, in grado di guidare a polso fermo i vari reparti, e non nomine da articolo 18, che altro non fanno che incrementare i favoritismi e i personalismi.
E’ stato anche rimandato, a data da destinarsi, il concorso per il Primario di chirurgia e non se ne conoscono i motivi… Tutti questi aspetti poco chiari ci portano ad un’unica conclusione: non si vuole apportare nessun miglioramento, anzi si procede nel depotenziare e far regredire il nostro ospedale.
Ci teniamo a precisare, che presso l’ Ospedale di Locri non si può effettuare una mammografia per mancanza di personale, per il medesimo motivo non si effettuano RM, e non si può fare una gastroscopia per mancanza di gastroscopio, se ci si reca a prenotare una visita specialistica si viene dirottati a Melito perché non c’è posto. In conclusione, presso il nostro Ospedale ad oggi non si effettuano screening per mancanza di personale e strumentazione e se si arriva in emergenza spesso si viene dirottati in altri ospedali per l’impossibilità di fare diagnosi. In virtù di quanto affermato Sig.Commissario Le chiediamo che senso ha continuare a tenere aperta una struttura che non garantisce i Lea e non gestisce le emergenze.
CHIUDIAMOLO con il beneplacito di chi, da dentro lo ha distrutto e con il beneplacito dei cittadini, stanchi e indignati per lo scempio che vedono tutti i giorni. Esprimiamo la nostra solidarietà al dottore, invitando le autorità competenti a intervenire nel modo più opportuno per verificare la veridicità di quanto pubblicato ed agire di conseguenza. Invitiamo il Commissario Straordinario a intervenire per riportare il vincitore al suo posto, garantendogli in ogni caso una sistemazione adeguata, e il diritto di assumere il ruolo che gli compete per legge e non in quanto amico di qualcuno. Invitiamo tutti i cittadini, le organizzazioni sindacali e dei medici a non restare in silenzio, inermi ancora una volta di fronte a situazioni che confermano la volontà di mantenere la sanità pubblica in uno stato di inefficienza e degrado. Casa della Salute di Siderno
Comitato DifendiAmo l’Ospedale Locri

Scritto da: Redazione

Rate it